Il Technology Readiness Level (TRL) e l’avanzamento tecnologico di Adam’s Hand

L’acronimo TRL viene dall’inglese Technology Readiness Level e corrisponde ad una scala di valori numerici che stimano la maturità tecnologica di un prodotto. Scopriamo l’avanzamento tecnologico di Adam’s Hand.

Da dove nascono i TRL?

La prima ad utilizzare questo strumento per quantificare il proprio avanzamento tecnologico fu la NASA, la quale già a partire dal 1977 assegnò dei valori rispetto ai livelli delle competenze tecnologiche allora in evoluzione nel suo ambito.

A partire dagli anni ‘80 anche l’aeronautica si servì dei TRL, come il mondo dell’elettronica e l’industria farmaceutica fecero negli anni ‘90.

Oggi i TRL si utilizzano per valutare i livello di maturazione tecnologica di qualsiasi prodotto e ricorrono in ambito accademico, soprattutto per le attività di ricerca e sviluppo.

Rappresentano, inoltre, uno dei parametri chiave per accedere ai finanziamenti di Horizon 2020.

I valori dei TRL

Vi sono interpretazioni diverse del valore dei diversi livelli, che vanno da 1 a 9, e la loro applicazione varia rispetto al contesto in cui questi vengono applicati.

Ad oggi, la definizione e i parametri a cui si dà maggiore rilevanza sono contenute nel General Annexes di Horizon 2020, che al suo interno fornisce le seguenti definizioni di TRL:

  • 1 = osservazione dei principi fondamentali
  • 2 = formulazione di un concept tecnologico
  • 3 = proof of concept sperimentale
  • 4 = validazione tecnologica in ambiente di laboratorio
  • 5 = validazione tecnologica in ambito industriale
  • 6 = dimostrazione della tecnologia in ambito industriale
  • 7 = dimostrazione del prototipo in ambiente operativo reale
  • 8 = definizione e qualificazione completa del sistema
  • 9 = dimostrazione completa del sistema in ambiente operativo reale (prova funzionale con tecnologie abilitanti ed applicazione al settore industriale specifico)

In maniera più generale, questi valori permettono di individuare il punto di partenza e di arrivo di maturità tecnologica di qualsiasi prodotto, partendo dalla concettualizzazione di una nuova tecnologia, fino alla sua introduzione nel mercato

I livelli intermedi corrispondono alle fasi di ricerca e sviluppo, testing, prototipazione e piloting, fino al monitoraggio di fasi sperimentali produttive e operative.

TRL e avanzamento tecnologico di Adam’s Hand

Adam’s Hand, come ogni prodotto quasi pronto al lancio sul mercato, ha percorso le sue fasi di sviluppo, evolvendosi nei diversi livelli di TRL ed avanzamento tecnologico.

Il progetto Adam’s Hand nasce con la tesi di laurea triennale in Ingegneria Industriale del CEO e Fondatore di BionIT Labs, che aveva ad oggetto lo studio della cinematica e della dinamica della mano umana. E’ da lì che prese il via l’ideazione del dispositivo (TRL0).

Il lavoro proseguì con il corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica, durante il quale si sviluppò il concept tecnologico alla base di Adam’s Hand (TRL1, TRL2); questo portò ad una tesi di Laurea Specialistica che presentava un proof of concept sperimentale (TRL3) del dispositivo, sfociato poi nella domanda di brevetto italiano.

La versione Beta (TRL 6) di Adam’s Hand è stata invece sviluppata in soli 8 mesi e presenta design ed estetica migliorati, giunti delle dita in metallo, lunghezza falangi personalizzabile e dimensioni ridotte. Il dispositivo è stato testato con 4 utenti, che hanno confermato la semplicità d’uso del dispositivo.

La pre-serie di Adam’s Hand è attualmente in fase di sviluppo (TRL 7), con miglioramenti previsti in termini di peso, dimensioni, estetica, forza e velocità di presa, semplicità di riparazione e manutenzione. Inoltre, l’app di calibrazione ha ricevuto un aggiornamento in termini di funzionalità, interfaccia grafica, estetica e affidabilità.

Il raggiungimento del TRL8 è previsto per quest’estate, a seguito della certificazione CE che verrà acquisita dopo aver svolto i relativi test di laboratorio e della completa definizione di tutte le metodologie di produzione dei suoi vari sotto-componenti.

Il dispositivo verrà quindi commercializzato e sottoposto ad una continua sorveglianza post-market – raggiungendo quindi il TRL9 -, al fine di monitorarne le prestazioni attraverso la raccolta e l’analisi delle informazioni relative all’utilizzo sul campo.

Adam’s Hand non è l’unico dispositivo attualmente in fase di sviluppo nei nostri laboratori: a breve comunicheremo infatti importanti novità riguardo i risultati del serrato processo di ricerca e sviluppo portato avanti durante questi mesi.

Continua a seguirci per saperne di più!

  • All
  • News
  • People
  • Tech
All
  • All
  • News
  • People
  • Tech

Tanto robusta, quanto precisa: il controllo proporzionale di Adam’s Hand

Swiss Tech Experience Week: BionIT Labs alla scoperta dell’ecosistema tecnologico svizzero

OTWorld22: Adam’s Hand alla fiera di protesica più grande al mondo

Aprile 2022: il mese della consapevolezza della perdita o della differenza d’arto

Quattro anni di BionIT Labs: ecco cosa abbiamo imparato

Gestire Adam’s Hand con l’app MyoLogic: la nuova interfaccia utente pensata da BionIT Labs

Vi presentiamo EB02: la nuova generazione della batteria ThunderCell

Nomenclatore tariffario per ausili e protesi in Italia: l’Innovazione come volano di emancipazione per persone con disabilità

Disability Pride 2021: le iniziative dedicate all’orgoglio della diversità

MyoLogic Pro, la nuova app di BionIT Labs per il tecnico ortopedico: parte 1

Il progetto Telemachus in fase di test: nuovi strumenti per monitorare la pandemia da Covid-19

L’agenesia di Giulio e la storia di Samuela, fondatrice di Energy Family Project

L’esperienza in BionIT Labs: dal tirocinio all’assunzione con un progetto di protesi di dita

Buon Compleanno BionIT Labs: tre anni di sfide alla “velocità della luce”

BionIT Labs è finalista del Global Startup Awards 2020!

Skip to content